Come organizzare un battesimo: documenti, cerimonia, festa

Come organizzare un battesimo: documenti, cerimonia, festa

Pubblicato il 10 marzo 2017 in Curiosità

Come organizzare un battesimo perfetto: quali documenti servono? Dove fare il ricevimento? Come funziona la cerimonia?

Il battesimo è il primo grande evento nella vita di un bambino. È l’occasione per presentare il piccolo a tutta la famiglia e agli amici. È un momento importante per i genitori che si accingono ad imboccare questa strada! Sapete però come organizzare un battesimo? Quali sono i documenti necessari? E fare o non fare una festa?  In questo articolo vogliamo dare delle dritte utili e qualche consiglio per rendere la festa perfetta per voi e vostro figlio!

Quando si può fare il battesimo?

Non esiste un’età o un periodo specifico in cui celebrare il rito. Comunque si può fare da quando il bambino ha circa 2/3 mesi.

Per quanto riguarda il periodo, meglio accordarsi con il parroco: di solito ogni chiesa ha un suo calendario. E a meno di richieste particolari il battesimo solitamente è comunitario, si svolge cioè con altri bambini battezzandi.

Inoltre i genitori devono anche tener conto che potrebbe esser chiesto loro una certa preparazione. In alcune parrocchie il prete si limita ad una chiacchierata approfondita con i genitori, in altre invece si deve partecipare ad un vero e proprio corso. A volte a questi corsi è richiesta anche la partecipazione di padrini e madrine. Un impegno da non sottovalutare: prima di intraprendere la strada è meglio informarsi presso la propria parrocchia.

Buonanotte Angelo Mio - Lladrò
"Buonanotte angelo mio", Lladrò.
Il battesimo si può fare dai 2/3 mesi: non esiste un'età stabilita. Tuttavia in molti preferiscono farlo nel 1° anno di vita del bambino. 

I documenti per il battesimo

Prima di organizzare qualsiasi cerimonia è sempre bene informarsi sui documenti necessari. Per il battesimo in particolare servono 3 tipi di documenti:

  1. La domanda di richiesta del battesimo
    Un documento dove inserire i dati anagrafici del bambino. Di solito si tratta di un modulo precompilato. , che si può trovare tranquillamente nell’ufficio parrocchiale della Chiesa dove si vuole far battezzare il bambino. Fate attenzione però, può anche succedere che alcune chiese siano sprovviste del foglio prestampato: in questo caso bisogna fissare un appuntamento con il parroco per fare richiesta.
  2. Certificato di nascita del bambino
    Se non lo si ha già, si può tranquillamente trovare nel proprio comune di residenza e dove è stato il bambino è stato registrato alla nascita.
  3. Attestato di idoneità per padrino e madrina
    È uno dei documenti più importanti per il mondo ecclesiastico. L’attestato serve per assicurarsi che il padrino o la madrina scelta abbiano ricevuto il sacramento della Cresima, fondamentale per ricoprire un ruolo simile. Questa figura è particolarmente importante perché dovrà essere una sorta di guida durante la crescita del bambino, dovrà consigliarlo e seguirlo nel percorso religioso. Per questo è fondamentale che siano dei credenti osservanti: solitamente si sconsiglia di scegliere persone divorziate, conviventi e persone sposate con il solo rito civile. 

La cerimonia: come funziona?

Il rito del battesimo dura circa 1 ora, come una normale messa. Durante la cerimonia il padrino o la madrina devono stare vicino all’altare, accanto ai genitori e al bambino.

Dopo l’introduzione, in cui si parla dell’importanza e del significato del battesimo, inizia la parte centrale. Il prete si rivolge ai genitori chiedendo prima il nome del bambino e poi cosa chiedono alla Chiesa per lui/lei. E dopo i genitori tocca al padrino e alla madrina: a loro si chiede di aiutare i genitori in questo compito.  

Il primo momento importante della cerimonia è l’unzione con l’olio sacro, simbolo di salvezza.

Dopodiché si entra nella parte più importante del rito: viene consacrata l’acqua e ai genitori si chiede di recitare la professione di fede, con la rinuncia al male. Quindi il bambino viene bagnato sul capo 3 volte come il padre, il figlio, lo spirito Santo.  

Infine si fa indossare la veste bianca, in segno di purificazione, e si accende la candela. La cerimonia vera e propria termina con il rito dell’effatà: il sacerdote tocca il battezzato sulle orecchie e sulle labbra.

Quadro angelo custode
Quadro angelo custode. Prezzo 49,00€ invece di 61,00€ 

La festa: rinfresco al ristorante o in casa?

Solitamente quando si organizza un evento del genere, invitando familiari e amici, si tende anche ad organizzare un piccolo ricevimento.

Se si è in pochi intimi si può valutare di organizzare il tutto in casa: un pranzo o un piccolo buffet per celebrare la giornata con le persone più care! Se gli spazi della casa lo permettono potete anche organizzare il ricevimento in giardino. Per l’occasione si può creare la giusta atmosfera con tante decorazioni a tema!

Se si è in tanti è meglio scegliere un ristorante o un luogo adatto ad accogliere tutta la vostra comitiva. In questo caso avrete il vantaggio di poter godere appieno la giornata, dalla cerimonia fino ai saluti finali. Sarà il personale del ristorante ad occuparsi di tutto! 

Come organizzare un battesimo perfetto - Le decorazioni
Come organizzare un battesimo perfetto? Attenzione alle decorazioni! 

Le bomboniere: quale scegliere?

Che siano per un battesimo o per un matrimonio, le bomboniere sono un segno di ringraziamento verso i propri ospiti. Un dono di cortesia per aver preso parte alla cerimonia e anche per i regali ricevuti. Non sono richiesti ovviamente, ma molte persone vi faranno comunque un piccolo dono, specialmente se è la prima volta che vedono il bambino.

La bomboniera giusta dipende dallo stile che avete dato alla cerimonia: se il tono era molto informale, potete optare per qualcosa di piccolo e dall’aria simpatica. Se invece avete organizzato un ricevimento presso un ristorante raffinato la bomboniera dovrà essere all’altezza, magari in argento. Infine, se eravate pochi intimi potreste anche valutare l’idea di fare una bomboniera davvero apprezzata, come una cornice con incisione personalizzata e fotografia del bambino.  

Bomboniere per battesimo - Zanolli
Alcune delle nostre bomboniere confezionate con portachiavi personalizzato

Siete pronti?

A grandi linee, questi sono i passi da compiere per organizzare al meglio un battesimo. Ricordate infine che uno dei punti più importanti è la scelta del padrino/madrina: scegliete una persona in cui riponete la vostra fiducia e che possa essere una guida per vostro figlio sia nella religione che nella vita normale. Non a caso a volte al padrino/madrina si riserva anche una bomboniera speciale!

Infine, ecco altri articoli sull’argomento: 

Torna su